banner_covid.jpg
Ti trovi qui:Home»Emergenza COVID-19»Le difficoltà delle piccole imprese del territorio, un quadro generale della situazione in questa fase di emergenza, proposte e soluzioni per una ripresa delle attività migliore possibile.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Giovedì, 23 Aprile 2020 10:09

Le difficoltà delle piccole imprese del territorio, un quadro generale della situazione in questa fase di emergenza, proposte e soluzioni per una ripresa delle attività migliore possibile.

Sono stati i temi al centro di un incontro in videoconferenza tra il presidente della Provincia di Matera Piero Marrese e il prefetto di Matera Rinaldo Argentieri, al quale hanno partecipato anche rappresentanti del mondo dell’imprenditoria locale e del settore del commercio e dell’artigianato.

Questi ultimi hanno fatto sentire la propria voce e lanciato il grido d’allarme per una situazione che si sta facendo insostenibile e rischia di mettere in ginocchio l’intero settore produttivo di tutto il territorio. L’emergenza è grave e la situazione è ormai ai limiti dell’esasperazione, hanno spiegato gli imprenditori intervenuti. Manca la liquidità per far fronte ai canoni di locazione e per coprire gli assegni, che così sono soggetti a protesti. Ed in tal senso si chiede di rinviare “sine die” il termine di sospensione dei protesti fissato dal Governo al prossimo 30 aprile. Inoltre, è stata chiesta la creazione di fondi perduti per il mancato profitto dovuto alla momentanea chiusura dell’attività e per l’acquisto dei dispositivi necessari per garantire la riapertura delle stesse attività secondo i parametri igienici e sanitari. Al fine di facilitare il rientro all’attività l’auspicio è di addivenire ad un regime di tassazione accettabile ed una riduzione della burocrazia, che sono arrivati a livelli esorbitanti. Si chiede attenzione per i settori del turismo e della ristorazione, che inevitabilmente stanno soffrendo e dovranno riorganizzare la propria attività in vista della riapertura.

Il presidente Marrese ed il Prefetto Argentieri si sono schierati accanto ai cittadini e ai commercianti, impegnandosi a sostenere le istanze presentate ai tavoli istituzionali regionali e nazionali e sottolineando la necessità di reperire immediatamente risorse per scongiurare il serio rischio di chiusura di tante attività. “Occorre fare presto e agire con immediatezza e concretezza - ha ribadito al prefetto il presidente Marrese -. Mai come in questo momento è necessario programmare interventi mirati e azioni decise”.

“Sarà importante – ha aggiunto il Prefetto - il lavoro in collaborazione e sinergia tra istituzioni. La volontà comune è di far riprendere al più presto le attività che rappresentano la stessa vita delle nostre comunità”.

Condividi

 

 

Raccomandazioni

C 17 opuscoliPoster 443 0 alleg

Numeri Utili

Numero unico di emergenza
  112


Numero di pubblica utilità

  1500


Numero verde Regionale

  800.996688

Aree tematiche
Vedi Tutto