Ti trovi qui:Home»Notizie»Lanciata la petizione per salvare il Centro Internazionale di Dialettologia

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Mercoledì, 30 Settembre 2020 09:12

Lanciata la petizione per salvare il Centro Internazionale di Dialettologia

“Il Centro Internazionale di Dialettologia rappresenta un patrimonio identitario della comunità lucana ed una opportunità di crescita e di valorizzazione dell’intero territorio regionale. È quanto mai opportuno intraprendere ogni utile azione al fine di preservare le nostre tradizioni e il nostro patrimonio linguistico”.

Così il presidente della Provincia di Matera Piero Marrese si associa alla petizione lanciata nei giorni scorsi e finalizzata a scongiurare la chiusura del centro, attivo dal 2018 ed in scadenza nel giugno del 2021, rivolgendosi alla Regione Basilicata e al presidente Bardi affinché possano mantenere operativi le attività di ricerca volte a salvaguardare la conoscenza dei dialetti e a promuovere il territorio. “Si tratta di un progetto unico in tutta Italia, che ha visto la collaborazione di diverse università internazionali e che sta dando lustro a tutta la regione Basilicata – sottolinea il presidente Marrese -. In questi anni è stato svolto un lavoro efficace e proficuo sul nostro patrimonio linguistico; e di questo siamo grati alla promotrice, la professoressa Patrizia Del Puente, e ai ricercatori che collaborano al progetto con impegno e dedizione. Chiedo quindi al presidente Bardi di trovare una soluzione immediata affinché si possa dare continuità a questo progetto, che rappresenta un bene fondamentale per preservare la conoscenza dei dialetti e tramandarli alle generazioni future”.

Condividi

 

 

Aree tematiche
Vedi Tutto