Ti trovi qui:Home»Notizie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Da giorni manca l'acqua nei terreni di Montalbano e Scanzano, e tutti i gruppi consiliari del comune di Montalbano hanno scritto al presidente della Regione Basilicata Vito Bardi, al Consorzio di bonifica e all'Eipli per segnalare che le attuali portate di risorsa idrica alle prese 4 e 3b dello schema idrico “Monte Cotugno”, nonché le scarse quantità di acqua invasate nella diga di Gannano, non consentono un’adeguata irrigazione nelle campagne.

A sostenerlo è il presidente della Provincia Piero Marrese, che si rivolge nuovamente al Consorzio di Bonifica di Basilicata, all’autorità di bacino, all'Eipli e all’assessore regionale alle Politiche Agricole e Forestali Fanelli per porre all'attenzione le criticità segnalate dagli operatori del settore in merito alla sempre più preoccupante carenza di riserva idrica negli invasi lucani.

Si alza la voce del comparto produttivo del territorio del materano. Questa mattina un gruppo di commercianti di Montalbano Jonico si è ritrovato dinanzi al palazzo Municipale del comune del metapontino per una iniziativa di sensibilizzazione finalizzata a porre all’attenzione dell’opinione pubblica e delle istituzioni le necessità dei professionisti, del tessuto imprenditoriale, artigianale e turistico dell’intero territorio lucano, messo in ginocchio in questi ultimi due mesi dal fermo delle attività dovuto alla grave emergenza sanitaria che sta vivendo il paese.

Una riflessione più sul piano dell’azione che su quello dell’ideazione. È facile, in questo periodo, cadere vittima del “populismo” attraverso slogan ad effetto, ma le persone, le famiglie, i lavoratori, i commercianti, le imprese hanno bisogno di risposte concrete, non di certo di slogan.

Un giorno in cui tutti avremmo dovuto assieme festeggiare, popolando le strade e animando le piazze di cittadini e colori, ma oggi più che mai abbiamo bisogno di speranza, di unità, di radici che sappiano ispirare la forza e la tenacia per poter scorgere un orizzonte di liberazione attraverso la vicinanza nella lontananza.

Sono stati i temi al centro di un incontro in videoconferenza tra il presidente della Provincia di Matera Piero Marrese e il prefetto di Matera Rinaldo Argentieri, al quale hanno partecipato anche rappresentanti del mondo dell’imprenditoria locale e del settore del commercio e dell’artigianato.

È quanto chiedono il presidente della Provincia Piero Marrese e tutti i sindaci del territorio al Governo nazionale e alla Regione Basilicata in relazione alla grave crisi economica e sociale dovuta alle misure adottate e volte al contrasto del Covid 19.

“La strada tracciata può essere quella giusta, ma non si deve deviare verso altra burocrazia, proprio adesso bisogna insistere per garantire un concreto e veloce sostegno al settore produttivo della nostra Basilicata”.

Sono state effettuate nei giorni scorsi, da una squadra del nucleo provinciale NBCR del Comando dei Vigili del Fuoco di Matera le operazioni di sanificazione straordinaria della Biblioteca Provinciale Tommaso Stigliani.

È quanto chiede il presidente della Provincia Piero Marrese in una lettera indirizzata al Consorzio di Bonifica di Basilicata, all’Autorità di Bacino e all’assessore regionale alle Politiche Agricole e Forestali Fanelli, nel fare propria la forte preoccupazione che vivono gli operatori del settore alla luce delle difficoltà dovute alla siccità e, in ultimo, all’emergenza sanitaria legata alla diffusione del virus Covid 19.

Condividi

 

 

Aree tematiche
Vedi Tutto